Taylor swift red carpet dresses 2018

Date: 15.10.2018, 02:55 / Views: 31235

Taylor Alison Swift (, ) è una e .

Firma di Taylor Swift

Nata e cresciuta in , Swift si trasferì a () all'età di 14 anni per coltivare la sua passione per la . Crebbe e nel firma il suo primo contratto discografico con la , pubblicando il suo primo album in studio , che rimane all'interno della per 275 settimane, con un totale di 5 milioni di copie vendute complessivamente. Nel pubblica , album che l'ha portata alla ribalta in tutto il mondo, grazie anche al singolo , che diventa la canzone country più venduta della storia. Quell'anno il ha descritto Taylor Swift come «una delle migliori autrici del pop, il personaggio più dotato di senso pratico della scena country e più in contatto con la propria vita interiore rispetto alla maggior parte degli adulti».

Nel 2011 la rivista l'ha inclusa al settimo posto fra le celebrità più importanti del mondo, con un reddito di 45 milioni di dollari guadagnati durante l'anno. Sempre secondo Forbes ha un patrimonio stimato di 165 milioni di dollari. Nello stesso anno è entrata nel per "la più veloce vendita digitale" con e per il maggior numero di canzoni in classifica simultaneamente di un'artista femminile.

Anche nel 2013 si riconferma come l'artista ad aver guadagnato di più durante l'anno secondo , grazie soprattutto al .Taylor Swift ha venduto 40 milioni di album e 130 milioni di singoli in digitale, entrando nella lista degli artisti musicali con maggiori vendite.

Nell'ottobre 2014 pubblica il suo quinto album , che ad oggi ha venduto 10 milioni di copie nel mondo e a cui ha fatto seguito il colossale .

Durante la premiazione agli , Taylor Swift è stata l'artista più nominata, con 13 candidature, e la più premiata, ricevendo 4 statuette, inclusa quella per Video dell'anno con . I video di , e raggiungono il miliardo di visualizzazioni, rendendola la prima artista femminile a raggiungere un tale traguardo.

Nel 2016 Forbes la incorona come celebrità più pagata del mondo con 170 milioni di dollari guadagnati nell'ultimo anno. Nel giugno 2017 Forbes stima che il patrimonio dell'artista sia di 280 milioni di dollari.

Indice

78 Grandview Boulevard a (), casa natale di Taylor Swift, in cui l'artista è vissuta fino all'età di 20 anni

Taylor Alison Swift è nata a , nel sud della . È cresciuta insieme ai genitori Scott e Andrea Swift, un intermediario finanziario e una casalinga, e suo fratello minore Austin (11 marzo 1992) in una fattoria nella città di . Si appassiona alla a 6 anni, quando ascolta per la prima volta brani di , e , ma la sua prima vera passione è stata quella per la : leggeva componimenti di e libri di . Dichiarerà anni dopo alla rivista : «La poesia è ciò che mi ha trasformata in una cantautrice».

A 10 anni entra a far parte della compagnia teatrale per bambini Theatre Kids Live di Kirk Cremer. Affascinata dalla recitazione e dalla musica, ben presto è indecisa su quale strada intraprendere, e Cremer la spinge verso una carriera musicale e le trova un locale dove esibirsi. All'età di 12 anni, con l'aiuto di un tecnico riparatore di computer, impara a suonare tre accordi sulla chitarra. Si diletta nella composizione e scrive la sua prima canzone, intitolata Lucky You.

Prime esperienze artistiche[ | ]

All'età di undici anni, accompagnata dalla madre, va per la prima volta in visita a , dove riceve lezioni di canto da . Speranzosa di ottenere un contratto discografico, distribuisce una demo di canzoni in da lei interpretate ad ogni etichetta presente nel music row di . Riceve svariati rifiuti, non solo dalle case discografiche ma anche dai suoi pari. Al suo ritorno in viene invitata a cantare allo Tennis Tournament; questa esibizione attira sulla giovane cantante molte attenzioni. Una persona in particolare viene colpita dal suo talento, Dan Dymtrow, allora manager di , che decide di seguire la precoce Swift nella sua carriera. Dopo due anni viene contattata da una casa discografica, la , con cui lavora per qualche tempo. Per facilitare il suo ingresso nel business musicale i genitori decidono di trasferirsi nel a , in . Lì scrive una canzone intitolata The Outside, che viene inserita nella raccolta della , Chicks with Attitude, un disco contenente brani di giovani talenti emergenti.

Nel maggio del viene assunta come autrice di canzoni dalla SONY/ATV Tree, risultando la più giovane mai assunta dalla società. A quindici anni rifiuta di rinnovare per un altro anno il contratto con la RCA, in quanto l'etichetta non le permette di registrare le canzoni da lei composte. Continua ad esibirsi a Nashville, e qui al Bluerid Café, riesce a catturare l'attenzione di Scott Borchetta, che le propone di essere la prima artista della sua casa discografica appena fondata, la , ancora al 2016 la sua etichetta.

2006-2008: Taylor Swift e Beautiful Eyes[ | ]

Taylor durante un'esibizione in un cafè nel

Firmato il contratto con la Big Machine Records, comincia a registrare le canzoni che avrebbero formato il suo primo album in studio dopo gli orari scolastici. La prima canzone incisa, , è poi divenuta suo singolo di debutto. Emozionata per il lancio del suo primo singolo, trascura gli studi che poi lascia definitivamente per dedicarsi all'incisione delle undici tracce che avrebbero composto l'album . Riprende a studiare privatamente e si diploma qualche anno dopo.

Il 24 ottobre dello stesso anno la BMR pubblica il suo primo album, Taylor Swift. L'album ha ricevuto un buon riscontro negli , debuttando alla posizione diciannove della , vendendo 39.000 copie nella sua prima settimana. Il lavoro di Taylor Swift risulta essere diverso da quello di altri artisti country che hanno ottenuto il suo stesso successo, è infatti, come scritto da Jack Lowe di About, una fusione di country tradizionale e moderno. Inoltre,Taylor Swift, è l'album con la più lunga permanenza nella Billboard 200 del decennio 2000-2010, essendo rimasto in classifica per 257 settimane.

Come secondo singolo viene scelto , lanciato sul mercato il 24 febbraio . Il brano ha raggiunto la posizione numero due della Country Songs e la trentatré della ; è stata ri-distribuita nel tardo 2007 con un remix pop che l'ha portata alla posizione tredici della Billboard Hot 100 e alla undici della .

Nell'ottobre 2007 le capacità compositive di Taylor Swift sono emerse alla Nashville Songwriters Association International, che le ha reso onore con il premio di "Compositrice e artista dell'anno", che l'ha resa anche la più giovane ad aver mai ricevuto tale premio. Nel novembre dello stesso anno è stata premiata dalla Country Music Association con il "CMA Horizon Award", ossia il premio per il miglior artista emergente, e si è esibita durante la cerimonia con , il terzo singolo estratto da Taylor Swift, che ha poi raggiunto la vetta della classifica country statunitense nella settimana del 22 dicembre 2007.Our Song ha raggiunto la prima posizione della Country Songs, classifica basata sul successo radiofonico dei vari brani, saltando di cinque posti dalla sesta, dove si trovava la settimana precedente; questo è stato il più rapido e grande passaggio alla numero uno dal gennaio , quando anche di effettuò lo stesso balzo. Our Song ha trascorso sei settimane al primo posto della classifica country ed è anche arrivata alla posizione numero sedici della Billboard Hot 100 e 24 della Pop 100.

Swift ha registrato un EP natalizio intitolato , pubblicato nell'ottobre 2007. L'album è composto da interpretazioni di classici natalizi quali , , e , e due brani originali scritti dalla cantante, intitolati Christmases When You Were Mine e Christmas Must Be Something More. L'EP ha riscontrato un discreto successo negli Stati Uniti, dove ha raggiunto la top twenty della Billboard Hot 100, la classifica country e della classifica degli album natalizi. L'anno seguente ha ricevuto una nomination ai del nella categoria "migliore artista emergente", premio andato poi a . Il successivo singolo, il fortunato , è stato il quarto singolo ad essere estratto dal suo album di debutto. La canzone è stata lanciata agli inizi del 2008 e la sua ascesa è culminata alla terza posizione della Billboard Country Songs nella primavera dello stesso anno. Il 15 gennaio è stato pubblicato l'EP Live from Soho, contenente sei suoi successi cantati live e due inediti.

Nell'aprile del 2008 è stata premiata alla decima edizione degli Annual Young Hollywood Award con il premio Superstar of Tomorrow; è così divenuta la prima musicista nella storia delle premiazioni a vincere in tale categoria. La Big Machine Records scelse come singolo di chiusura dell'album , pubblicato il 19 maggio . Il brano è stato eseguito live alla 43ª edizione degli . Verso la fine della canzone la cantante ha stupito il pubblico con una cascata d'acqua sul palco. Ha successivamente affermato che avrebbe desiderato fare un'esibizione con acqua sul palco e cambio d'abiti sin da quando aveva dieci anni. Quella stessa sera ha vinto l'Academy of Country Music Award come Miglior artista emergente. Dell'album di debutto è stata anche messa in commercio una versione deluxe, che include tre brani inediti: , Invisible e A Perfectly Good Heart.

Nell'estate 2008 è stato pubblicato , un venduto esclusivamente nella catena di negozi . Esso contiene due brani inediti e delle versioni alternative dei successi di Taylor Swift. L'album ha venduto 45.000 copie nella sua prima settimana, debuttando al primo posto della Billboard Top Country Albums e al nono nella Billboard 200. Con al secondo posto nella stessa settimana, è diventata la prima artista a mantenere le prime due posizioni della Top Country Albums da quando fece lo stesso nel .

2008-2009: Fearless[ | ]

Taylor Swift durante una tappa australiana del nel

L'11 novembre viene pubblicato il suo secondo album, , che ha raggiunto il primo posto nella Billboard 200. È il primo album di un'artista femminile nella storia della musica country a rimanere al primo posto per almeno undici settimane in tale classifica. Con la vendita in sette giorni di 592.304 copie., un brano più malinconico, è stato pubblicato come singolo l'8 dicembre . L'anteprima del video musicale è avvenuta il 7 febbraio . Il singolo è riuscito a raggiungere la vetta della classifica country statunitense.

Un altro brano, , pubblicato il 4 novembre su a scopo promozionale e il 21 aprile come singolo effettivo, ha riscosso un notevole successo in patria. Si è inoltre piazzata alla terza posizione in e alla quinta in e in . Certificato disco di platino in quattro Paesi, sei volte nei soli Stati Uniti, ha venduto oltre 3.800.000 copie.You Belong with Me è stato nominato alla 52ª edizione dei nelle categorie , e .

Taylor Swift interpreta The Best Day durante una tappa del nel

Multipremiata dalle associazioni di musica country come l' e la Country Music Association che in totale le hanno fatto portare a casa nove premi, tra cui l'Academy's Crystal Milestone Award, consegnato per aver venduto più album di qualsiasi altro artista di qualsiasi genere in tutto il 2008 e il successo mondiale del suo singolo Love Story, e l'International Artist Achievement Award, consegnato a quegli artisti che si sono contraddistinti ed hanno apportato un grande beneficio alla musica country. Ha sbancato anche gli , dove ha vinto cinque premi: Artista dell'anno, Miglior album country, Artista femminile pop/rock, Artista femminile country e Artista adult contemporary.

A gennaio 2009 Taylor Swift ha annunciato il suo primo tour promozionale. Inizialmente annunciò che il tour avrebbe toccato 54 città in 39 stati e province diversi tra e . A giugno fu annunciata la seconda parte del tour che avrebbe toccato anche , e . Furono successivamente aggiunte altre 37 date al per il Nord America, da marzo a giugno 2010.Fearless è stato l'album più venduto del negli Stati Uniti con più di 3.200.000 copie. La cantante si è assicurata la prima e seconda posizione in cima alla Nielsen's BDS Top 10 delle canzoni più ascoltate in radio dell'anno di tutti i generi, rispettivamente con You Belong with Me e Love Story. L'album ha trascorso oltre 190 settimane, ossia più di tre anni, sulla Billboard 200. Inoltre, dopo la pubblicazione del suo secondo album, Taylor Swift ha registrato una nuova canzone, , inclusa nella colonna sonora del film in cui ha avuto un piccolo ruolo, . Il brano è entrato nella Billboard Hot 100 alla posizione numero 14.

2010-2011: Speak Now[ | ]

Taylor nel 2010 in occasione dell'edizione del .

Il 19 gennaio viene pubblicato su il brano , contenuto nella colonna sonora del film . Il brano ha debuttato alla seconda posizione della Billboard Hot 100 registrando nella prima settimana oltre 325.000 vendite. Grazie a questo brano, Taylor Swift ha raggiunto un altro record, quello di artista femminile con maggior numero di download nella prima settimana, sorpassato a gennaio 2011 da e il mese successivo da .Speak Now, il terzo album in studio di Taylor Swift, è stato messo in commercio il 25 ottobre . Tutti i brani sul disco sono stati scritti dalla cantante, che ha curato la produzione affiancata da . È il miglior debutto di un'artista country nella storia, avendo registrato oltre 1 milione di download nella prima settimana. Il primo singolo estratto dall'album, , ha debuttato alla posizione numero 3 della Billboard Hot 100, in seguito ad aver raggiunto la prima posizione dei singoli più venduti su iTunes in sole cinque ore, stabilendo un nuovo primato. Sulla scia del successo di Mine viene pubblicato il secondo singolo, , che debutta alla posizione numero 6 della classifica statunitense.Taylor Swift ha esibito il brano in molte occasioni, tra cui durante la cerimonia della consegna dei e di quella degli .

Dall'album sono stati estratti come brani promozionali e . Il 7 marzo 2011 il brano Mean viene pubblicato come singolo.

Il 23 maggio partecipa ai , dove vince nelle categorie Top Billboard 200 Artist, Top Country Artist e Top Country Album grazie a . Nel mese di giugno appare in una lista, intitolata Queen of Pop, pubblicata dalla rivista , contenente le sedici cantanti di sesso femminile di maggior successo degli ultimi anni, scegliendole in base alle vendite, alle visualizzazioni su youtube, alle classifiche e alla popolarità.

Nel mese di agosto viene pubblicato il video del suo quarto singolo ufficiale, , che registra oltre 400.000 visualizzazioni nella prima settimana. Il brano ha raggiunto la posizione numero 17 della Billboard Hot 100 e la 3 della Country Songs.

Nel mese di settembre è stata annunciata, tramite il sito ufficiale dell'artista, l'uscita dell'album live , contenente 17 esibizioni live della cantante registrate durante una tappa nordamericana. La pubblicazione dell'album, che contiene anche un DVD, è avvenuta il 21 novembre . A ottobre 2011 la statunitense ha pubblicato l'Entertainment's Highest Earning Women, una classifica delle donne che hanno guadagnato di più nell'ultimo anno, all'interno della quale la cantante viene posizionata al quarto posto alla pari di , e grazie ad un bottino di 45 milioni di dollari. Nello stesso mese appare nello show Hamish & Andy esibendo una canzone inedita intitolata Chaperone Dads.

L'8 novembre sono state pubblicate come singoli promozionali due canzoni disponibili solo su iTunes, e ; esse hanno debuttato rispettivamente alle posizioni 10 e 26 della Billboard Hot 100. I brani sono poi entrati a far parte della tracklist della riedizione di Speak Now, intitolata Speak Now International Deluxe Edition. E come sesto singolo il brano , contenuto nella ristampa di Speak Now; il singolo ha debuttato alla posizione numero 13 della Billboard Hot 100.

2012-2013: La colonna sonora per Hunger Games e Red[ | ]

Il 23 dicembre la cantante ha scritto su : «Sono molto eccitata, è qualcosa su cui ho lavorato per molto tempo, e vedrà la luce molto presto.» riferensdosi al suo futuro album. Alcune ore dopo ha annunciato la sua collaborazione con i per il brano , che è stato incluso nella colonna sonora del film . Il brano è entrato nella Billboard Hot 100 e nella Canadian Hot 100, raggiungendo rispettivamente le posizioni 30 e 33. Nel gennaio del 2012 Taylor Swift si è posizionata 78ª nella classifica Billboard Power 100, una classifica contenente le persone più influenti del mondo della musica. L'8 gennaio è stata eletta la quinta artista con maggiori download nella storia con 41.821.000 vendite digitali. Il 27 marzo 2012 ha pubblicato , altro brano tratto dalla colonna sonora del film The Hunger Games; il singolo ha raggiunto la diciannovesima posizione della Billboard 200. Successivamente, il 22 maggio , è stato pubblicato il singolo del rapper che vede la partecipazione di Taylor Swift; il singolo ha raggiunto la posizione numero 18 della Billboard Hot 100. Nel mese di giugno, in concomitanza all'uscita del video di Both of Us, Speak Now è stato inserito alla 45a posizione nella lista dei 50 album femminili migliori della storia, stilata dalla rivista .

Il 13 agosto 2012 durante la live chat organizzata su per i fan, la cantante ha annunciato l'uscita del quarto album in studio, intitolato , per il mese di ottobre ed ha comunicato la pubblicazione del primo singolo, , reso disponibile per il download digitale nello stesso giorno. Tale singolo è stato il primo a raggiungere la prima posizione negli .Taylor Swift ha promosso ampiamente il suo quarto album, presentando il 25 settembre e successivamente ogni lunedì di ottobre a Good Morning America un brano inedito di Red pubblicato poi nella stessa giornata o in quella successiva come singolo o singolo promozionale fino alla pubblicazione dell'album, avvenuta il 22 ottobre. Con questa iniziativa la cantante ha presentato quattro brani: , , e .

Un'altra iniziativa pubblicitaria per promuovere Red è stata quella di collaborare con una nota catena di pizzerie statunitensi, la Papa John's Pizza, la quale consegnava una copia dell'album per ogni ordine speciale creato appositamente per l'occasione, che comprendeva una pizza grande e il CD ad un prezzo relativamente inferiore a quello della vendita normale dell'album () o lo vendeva separatamente sempre ad un prezzo inferiore (), con questa iniziativa sono state distribuite 8.000 copie dell'album.

2014-2016: 1989 e il The 1989 World Tour[ | ]

Logo dell'album

Secondo indizi postati dalla stessa Swift sui social, viene annunciata una live chat per il 18 agosto su , dove la cantante ha presentato il suo nuovo album in studio, , in uscita il 27 ottobre , ed il primo singolo estratto, . Il videoclip di quest'ultimo, è stato pubblicato lo stesso giorno. L'album si rivela un enorme successo con circa 10 milioni di copie vendute in tutto il mondo, un successo migliore persino dei primi 2 album precedenti.

Il 13 ottobre 2014 viene presentato , singolo promozionale estratto da 1989; il relativo videoclip viene presentato un anno dopo al Dirk Clark's New Year's Rockin' Eve nella vigilia del . Il 21 ottobre 2014 esce il secondo singolo promozionale .

Il 10 novembre 2014 viene pubblicato il secondo estratto dal nuovo album che raggiunge la prima posizione della Billboard Hot 100 al posto del precedente singolo Shake It Off. Taylor Swift diventa così la prima donna di sempre a sostituire se stessa in vetta alla classifica americana. Il 13 febbraio pubblica il terzo singolo estratto da 1989 intitolato . Il singolo raggiunge la sesta posizione della Billboard Hot 100. Il 17 maggio 2015 viene pubblicato il video del quarto singolo in cui sono presenti ben 17 stars provenienti dalla moda, dalla musica e dal cinema, tra cui anche l'attrice, cantante e stilista , che interpreta l'antagonista di Taylor Swift nel video. Bad Blood entra nella storia in quanto video più visto in 24 ore, ricevendo in appena un giorno 20.1 milioni di visualizzazioni. Da maggio a dicembre 2015 la cantante annuncia che sarà impegnata nel suo nuovo tour , che prevede tappe in , , , , , , e . , , e saranno gli artisti che apriranno le varie tappe del tour.

Il 23 novembre 2014 riceve il Dick Clark Award for Excellence durante gli . Nel dicembre 2014 il singolo Shake It Off riceve due nomination ai nelle categorie di Record of the Year e Song of the Year. Il 25 febbraio 2015 vince un nella categoria International Female Solo Artist. A dicembre 2014, le viene conferito per la seconda volta il premio Billboard Music Award for Woman of the Year. Nel 2015, Taylor Swift ottiene dieci nomination agli , divenendo la seconda artista della cerimonia per numero di nomination guadagnate. Il 30 agosto 2015, la cantante è uscita vincitrice in quattro categorie dalla serata, trionfando nelle categorie Video dell'anno e Miglior collaborazione per il video di Bad Blood, e in quelle di Miglior video femminile e Miglior video pop per quello di Blank Space.

Il 5 agosto 2015 viene pubblicato , il quinto singolo estratto da 1989, il quale, il 31 agosto, viene accompagnato dal relativo videoclip pubblicato su Vevo. Wildest Dreams è stato seguito nel 2016 dai singoli e , il cui video contiene immagini e riprese del tour.

Il 9 dicembre 2016 viene pubblicato il singolo , in collaborazione con , tratto dalla colonna sonora del film , uscito il 10 febbraio 2017 negli Stati Uniti, raggiungendo la posizione numero 5 nella classifica italiana e diventando di conseguenza il singolo di Taylor a raggiungere la posizione più alta in classifica.

2017-presente: Reputation[ | ]

Il 18 agosto 2017 Taylor Swift ha deciso di rimuovere tutti i contenuti dei suoi (soprattutto , e ), lasciandoli completamente vuoti; in principio interpretato come un attacco , il gesto si è infine rivelato una mossa di per poter effettuare l'annuncio dell'uscita del suo sesto , intitolato Reputation, previsto per il 10 novembre dello stesso anno e anticipato dal singolo , pubblicato il 25 agosto.

Il singolo è stato accolto da un'accesa attenzione mediatica da più parti, e ha riscosso un massiccio successo commerciale in tutto il mondo.Look What You Made Me Do ha esordito direttamente al primo posto delle classifiche in 74 Paesi, infrangendo immediatamente svariati record, tra cui brano più trasmesso in un giorno su - con oltre 8 milioni di riproduzioni in , rendendo Taylor Swift l'artista femminile più ascoltata nella storia della piattaforma in 24 ore -, canzone più passata ed ascoltata nelle radio statunitensi nelle prime 24 ore di pubblicazione (4228 passaggi ed un pubblico di 27,3 milioni di ascoltatori) e video più visto in un giorno su . Il 2 settembre , durante la trasmissione della partita di football vs , è stato presentato tramite l'ascolto di una parte del brano il primo singolo promozionale dell'album, , per poi essere pubblicato su il 3 settembre e accompagnato dal rispettivo videoclip il 26 ottobre seguente. Il 20 ottobre e il 3 novembre è invece la volta dei singoli a tema promozionale e Call It What You Want.

Il 10 novembre 2017 pubblica l'album , che raggiunge la prima posizione delle classifiche musicali di 14 Paesi del mondo, fra cui , , , , , , , , , , e , oltre a guadagnarsi l'appoggio di pubblico e .

Dal mese di maggio 2018 a novembre dello stesso anno la cantante è impegnata nel , tour musicale a supporto dell'album . Il tour è composto da 53 spettacoli eseguiti negli stadi di , , e .

« Se ascolti i miei album, è come se leggessi il mio diario. »

(Taylor Swift parla dei suoi testi)

Taylor Swift è una cantante pop, pop rock e country. Lei stessa si è identificata come una cantante country fino al 2014. scrisse di lei: "può venir suonata nel circuito country, ma è una delle poche rock star genuine in circolazione di questi tempi". The Guardian scrisse che la cantante "sforna melodie con la fredda efficienza di una fabbrica pop scandinava".

Taylor Swift è stata ed è influenzata nella sua musica da artisti country degli come , la sua ispirazione principale, , , e le . Dichiara che i modelli di ispirazione per la sua carriera sono , , , e . In un'intervista del 2011 a di Lifestyle ha rivelato la sua passione per Faith Hill e come sia pesantemente influenzata da quello che l'artista fa e dice: «Mi interessa tutto quello che accade quando Faith Hill fa un'esibizione, ho cercato di copiare cosa dice, cosa fa e cosa indossa.» Ha esternato inoltre di essere una fan di . La Swift ha inoltre ammesso di essere cresciuta ascoltando artisti come , e , che erano tra i preferiti dei suoi genitori. Con i Def Leppard ha avuto l'occasione di esibirsi per un intero concerto durante uno speciale di registrato a , in , il 7 novembre 2008. Durante l'esibizione hanno suonato sia pezzi dei Def Leppard che di Taylor Swift.

Taylor Swift canta "White Horse" sull'Isola Principe Edoardo, in Canada.

Con il suo primo album omonimo, Taylor Swift attirò su di sé delle critiche positive per essere una cantante teenager di talento. Jeff Tamarkin di AllMusic ad esempio scrisse che la cantante aveva "una voce fresca e ancora infantile, piena di speranze e innocenza, ma allo stesso tempo è sicura e matura". Il suo secondo album, , contrapponeva un immaginario fiabesco alla realtà dell'amore. notò nell'album il ripetersi di determinate metafore, ironizzando come la cantante abbia o meno contratto qualche malanno di stagione "visto tutto il tempo che passa a baciarsi sotto la pioggia".Speak Now, album pubblicato a quattro anni di distanza dal primo, affronta le stesse tematiche dei due album precedenti, ma risulta più maturo musicalmente, tanto da spingere Kevin John Coyne di Country Universe a elogiare l'artista per aver saputo unire «una melodia indimenticabile» ad una canzone sofferta come , in cui per la prima volta parla di una storia finita a causa sua. Non c'è solo un'evoluzione a livello di temi, ma anche a livello di voce, ascoltabile in brani midtempo come la già citata Back to December, Mine ed Enchanted, dove riesce a mantenere un tono inalterato della voce. In questo album la cantante ha inserito una buona dose di sound pop, criticato e apprezzato nello stesso tempo: da un lato ha commesso errori tecnici nell'utilizzo di alcune melodie, ma allo stesso modo quegli "errori" hanno reso ogni canzone dell'album un possibile singolo radiofonico, come scritto dal critico Jonathan Keefe di .Red, del 2012, vedeva per la prima volta l'utilizzo di generi musicali differenti da parte della cantante: , e .1989, il quinto album della Swift, è incentrato sulla musica pop ed è ispirato agli artisti di fine preferiti dalla cantante: , e la di . I media notarono la transizione di stile, con Rolling Stone che parlava di una "reinvenzione" di Taylor Swift, e la cantante stessa definì il disco come un "album pop musicalmente coeso".

In un'intervista con il del 2011, Taylor Swift si descrisse come una cantautrice: "Scrivo canzoni, e la voce non è che il mezzo con cui narrare quei testi". Nel 2010 The Tennessean scrisse che Taylor Swift "non sarà la miglior cantante dal punto di vista della tecnica vocale, ma è la miglior comunicatrice sulla piazza". I testi delle sue canzoni trattano spesso di cotte e amori adolescenziali, e sono ispirate alle relazioni della cantante con altre celebrità. Al , la cantante spiegò che non sempre le sue canzoni erano basate su fatti realmente accaduti.

Oltre alle relazioni, i suoi testi trattano anche di relazioni genitori-figli, amicizia, alienazione, ambizioni e carriera.

La vita privata di Taylor Swift è sempre stata oggetto dell'attenzione mediatica.Taylor Swift ha dichiarato che non vuole discutere pubblicamente della sua vita privata, perché ritiene che potrebbe inficiare la sua carriera. I media hanno tuttavia molto parlato delle sue relazioni con celebrità maschili, tra cui , , , , , e . Molte canzoni della star americana sono state collegate a queste personalità. Alcuni criticarono Taylor Swift per il gran numero di ex fidanzati; nel 2013 mise in un commercio una maglietta con uno slogan offensivo nei confronti della cantante.The New York Times commentò che le relazioni personali della star avevano iniziato ad attirarle critiche negative. La cantante rifiuta l'etichetta di "mangiauomini", e ironizza su questo ruolo della "pazza, seducente, modaiola e manipolatrice" nel testo di Blank Space. Il Los Angeles Times, nel 2017, notò in una recensione come con Look What You Made Me Do la cantante giocasse con il ruolo della "cattiva" che i media le avevano affibbiato.Vulture scrisse nello stesso anno come Look What You Made Me Do fosse l'epitome della dell'America di , notando come Taylor Swift si atteggiasse da "vittima degli haters" e come mercificasse gli screzi da lei avuti con altre celebrità, tutti menzionati nel testo della canzone.

Rolling Stone scrisse nel 2009 dei suoi modi educati: "Se questa fosse anche una posa della Swift, deve essersela tatuata in faccia perché è come una maschera che non cala mai".The Hollywood Reporter la definì "il personaggio più socievole dai tempi di ". Nel 2012, conferendole un premio per il suo impegno umanitario, la descrisse come una cantante che "si è imposta in vetta alle classifiche musicale ma che ha ancora i piedi per terra, superando ogni aspettativa riguardo a ciò che può fare una ventiduenne".Taylor Swift considera l'ex Presidente Obama un modello positivo.Taylor Swift è una delle personalità più seguite sui social media, e sono note le sue interazioni amichevoli con i fan. In passato ha fatto regali ai suoi fan via posta e di persona. Considera una sua "responsibilità" essere consapevole della sua influenza sul pubblico dei più giovani, e ha aggiunto che i suoi fan sono "la relazione migliore e più duratura che abbia mai avuto".

La "America's Sweetheart" (la fidanzatina d'America) descritta dai media rifiuta di posare per servizi fotografici troppo osé; ciononostante è ritenuta un sex-symbol da Bloomberg L.P..Taylor Swift è stata descritta come un'icona della moda americana da nel 2011. Nel 2014 è stata eletta da come celebrità meglio vestita. Nel 2015 è stata eletta Donna dell'Anno agli , ed è arrivata prima nella classifica di .

Taylor Swift è anche considerata una delle celebrità più potenti del pianeta. Per via del suo successo e della sua ricchezza, è entrata nella Top 100 annuale di nel 2010 e nel 2015. Dal 2011 al 2015 è comparsa tra le prime tre celebrità nella classifica delle musiciste più ricche stilata da Forbes, con guadagni di rispettivamente milioni, milioni, milioni, milioni e milioni. Nel 2015 è diventata la donna più giovane a essere inserita nella classifica di Forbes delle 100 donne più potenti del mondo, classificandosi 64esima. Nel 2016 fu la prima classificata nella lista di celebrità più pagate di Forbes con 170 milioni di dollari; si era classificata nella top 10 anche nel 2011, 2013 e 2015. Fu una dei finalisti a contendersi la posizione di 'Persona dell'anno' di Time del 2014. Nel giugno 2017 Forbes stimò le ricchezze di Taylor Swift in 280 milioni di dollari netti.

Nel 2008 partecipò al video del cantante country , Online. Nello stesso anno girò un documentario per intitolato MTV's Once Upon a Prom e un documentario con i per dal titolo CMT Crossroads, trasmesso in anteprima il 7 novembre , seguito da più di quattro milioni e mezzo di spettatori nelle sue prime quattro messe in onda.Taylor Swift collaborò con i per il loro in , . Recitò anche nella serie televisiva . L'episodio, andato in onda il 5 marzo negli Stati Uniti e in Canada, venne seguito da 20.800.000 spettatori. Sempre nel 2009 la troviamo nel film mentre canta , facente parte della colonna sonora del film e pubblicata subito dopo come suo nuovo singolo. Nel 2010 recita nel film diretto da , recitando insieme a , , , , , e altri. Nel 2014 ha una piccola parte nel film , diretto da , a fianco di , , e .

Nel settembre 2007 la cantante appoggiò il governatore del Phil Bredesen nella campagna Delete Online Predators, nata per proteggere i bambini dai pedofili presenti in rete. Durante la tappa della campagna alla Merrol Hyde Magnet School Taylor Swift spiegò: «Sarete stati contattati da persone online che vi hanno detto di essere studenti diciannovenni di , molto probabilmente sono quarantacinquenni che vivono nel seminterrato della casa dei genitori. E sono probabilmente maniaci sessuali. Questa è una realtà.» L'8 agosto 2008 la cantante rese pubblica la sua decisione di donare 100.000 dollari alla di , nell', stato gravemente colpito dalle inondazioni.

Il 13 dicembre 2009, giorno del suo compleanno, donò 250.000 dollari a diverse scuole statunitensi: «Volevo fare una cosa alla fine di questo anno fantastico e specialmente nel giorno del mio compleanno, dare a qualcosa in cui credo molto, che è l'istruzione.» Nel marzo 2010, donò, inoltre, un paio delle sue scarpe autografate, delle Betsey Johnson, alla Wish Upon a Hero Foundation, fondazione che raccoglie fondi per supportare le donne malate di . In risposta al disastro causato dalle alluvioni del 2010 nel Tennessee, Taylor Swift donò 500.000 dollari alla raccolta fondi organizzata dalla WSMV.

Il 23 maggio 2011 aprì al pubblico le prove generali della tappa di Nashville dello , trasformandole in un concerto di beneficenza per le vittime dei che avevano colpito il Sud. Dalla vendita dei biglietti e da prodotti vari ricavò 750.000 dollari, donati completamente alla Community Foundation of Middle Tennessee. Per questa iniziativa le è stato consegnato il Do Something Award. Qualche mese dopo, a luglio, donò 250.000 dollari alla fondazione Nick's Kids per dare aiuto alle operazioni di soccorso alle prese con i danni causati dai tornado nell'.

Nel 2012, in occasione dei CMT Awards, donò quattro milioni di dollari alla CNCF (The Children's Neuroblastoma Cancer Foundation) per la ricerca sul . Donò in seguito altri quattro milioni alla Country Music Hall of Fame and Museum di Nashville per permettere la costruzione di un nuovo centro educativo previsto per il 2014, che sarà chiamato Taylor Swift Education Center, in onore della cantante che è stata la maggior contribuente. I quattro milioni di dollari donati dalla cantante a favore della creazione dell'istituto, sono la più grande donazione individuale che un'artista abbia mai fatto nella storia della Hall of Fame.

Taylor Swift si definisce una femminista. Si è espressa contro l'omofobia, dichiarando che i suoi genitori le hanno insegnato "a non giudicare nessuno per chi ama, per il colore della sua pelle o la fede che professa". In un'intervista del 2012 ha dichiarato che cerca di tenersi informata il più possibile, ma che cerca di non esprimersi mai politicamente per paura di influenzare l'opinione pubblica.

Album in studio[ | ]

Attrice[ | ]

Cinema[ | ]

Televisione[ | ]

  • (CSI: Crimine Scene Investigation) - serie TV, episodio 9x16 (2009)
  • - serie TV, episodio 2x25 (2013)

Doppiatrice[ | ]

    • 2008 - Miglior nuova artista donna
    • 2009 - Miglior album dell'anno per
    • 2009 - Crystal Milestone Award (riconoscimento consegnato dall'associazione all'artista che ha venduto di più nell'anno passato)
    • 2011 - Artista dell'anno
    • 2012 - Artista dell'anno
    • 2008 - Miglior artista femminile country
    • 2010 - Miglior artista femminile country
    • - Miglior album country per Speak Now
    • 2011 - Billboard la nomina l'artista donna dell'anno per le vendite, le posizioni in classifica e i record
    • - Donna dell'anno
  • Country Music Association Award
    • 2007 - Horizon Award come miglior nuovo artista
    • 2009 - International Artist Achievement Award (per il suo contributo alla musica country)
    • 2011 - Artista dell'anno
    • - Album dell'anno per
    • 2010 - Miglior album country per
    • 2010 - Miglior performance vocale country femminile per
    • 2010 - Miglior canzone country per
    • - Miglior performance solista country per
    • 2012 - Miglior canzone country per
    • - Miglior canzone scritta per un film ( per )
    • - Album dell'anno per
    • 2016 - Miglior album pop vocale per
    • 2016 - Miglior video musicale per ft
  • 2011 – Wonderstruck
  • 2012 – Wonderstruck Enchanted
  • 2013 – Taylor
  • 2014 – Incredible Things
  • in CSI - Scena del crimine
  • Alessia Rubini in Hannah Montana: The Movie
  • in Appuntamento con l'amore
  • Isabella Benassi in The Giver - Il mondo di Jonas

Da doppiatrice è sostituita da:

  • Rossa Caputo in Lorax - Il guardiano della foresta

Altri progetti

  • (EN) , su taylorswift.com. Modifica su Wikidata
  • (), su . Modifica su Wikidata
  • (EN) , su , IMDb.com. Modifica su Wikidata
  • (EN) , su , . Modifica su Wikidata
  • (EN) , su , Flixster Inc. Modifica su Wikidata
  • , su , . Modifica su Wikidata
  • (EN) , su , . Modifica su Wikidata
  • (EN) , su , Zink Media. Modifica su Wikidata
  • (EN) , su , MetaBrainz Foundation. Modifica su Wikidata
  • (EN) , su , Encyclopædia Britannica, Inc. Modifica su Wikidata
  1. ^ (EN) , su , .
  2. ^ (EN) , su musicparade.it. URL consultato l'8 giugno 2011.
  3. (EN) , prnews. URL consultato il 9 febbraio 2012.
  4. ^ (EN) Gary Trust, , Billboard, 12 dicembre 2011. URL consultato il 5 febbraio 2012.
  5. ^ (EN) , pophistorydig.com, 1º dicembre 2010. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  6. , , 4 aprile 2012.
  7. (EN) , .
  8. (EN) Amy Sciaretto, , Taste Of Country, 16 settembre 2011.
  9. ifpi.org, Titolo mancante per url url ().
  10. ifpi.org, Titolo mancante per url url ().
  11. forbes.com, Titolo mancante per url url ().
  12. ^ , Udel.edu, 23 settembre 2009. URL consultato il 17 aprile 2012.
  13. , New York Social Diary, 1º aprile 2013. URL consultato il 14 dicembre 2013.
  14. , su taylorswiftplanet.com. URL consultato il 18 luglio 2015.
  15. (EN) Tracey Harrington McCoy, , LimeLife, 20 settembre 2009. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  16. (EN) , allaxess.com. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  17. (EN) Melissa Castellanos, , CBS News. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  18. (EN) , allaxess.com. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  19. (EN) , MetroLyrics. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  20. (EN) Dale Kawashima, , songwriteruniverse.com. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  21. (EN) , MSN, 27 luglio 2008. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  22. (EN) Chris Harris, , Billboard, 19 novembre 2008. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  23. (EN) Jack Lowe, , About.com. URL consultato il 5 febbraio 2012.
  24. (EN) , su voices.yahoo.com, 12 ottobre 2011. URL consultato il 14 ottobre 2012. Controllare il valore del parametro url (), Billboard. URL consultato il 14 ottobre 2012.
  25. (EN) , Billboard. URL consultato il 4 marzo 2012.
  26. ^ (EN) Evan Schlansky, , americansongwriter.com, 18 ottobre 2010. URL consultato il 6 novembre 2011.
  27. (EN) Shelly Fabian, , About.com. URL consultato il 4 marzo 2012.
  28. (EN) , Billboard. URL consultato il 4 marzo 2012.
  29. (EN) , Billboard. URL consultato il 4 marzo 2012.
  30. , excite.it, 7 dicembre 2007. URL consultato il 4 marzo 2012.
  31. (EN) , Billboard. URL consultato il 4 marzo 2012.
  32. (EN) , MTV. URL consultato l'8 febbraio 2012.
  33. (EN) Francis Petruziello, , Cleveland Leader, 24 aprile 2008. URL consultato il 6 febbraio 2012.
  34. (EN) , Just Jared, 19 maggio 2008. URL consultato il 4 marzo 2012.
  35. (EN) Shelly Fabian, , About.com. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  36. (EN) BJay, , Teen Scoop, 23 giugno 2008. URL consultato il 4 marzo 2012.
  37. (EN) , Billboard. URL consultato il 4 marzo 2012.
  38. (EN) , countrystandardtime.com, 23 luglio 2008. URL consultato l'8 febbraio 2012.
  39. (EN) Keith Caulfield, , Billboard. URL consultato il 5 febbraio 2012.
  40. (EN) , musicstory.com. URL consultato il 15 marzo 2012.
  41. (EN) , Billboard. URL consultato il 5 febbraio 2012.
  42. (NL) , Ultratop. URL consultato il 5 febbraio 2012.
  43. (EN) , celebritynetworth.com. URL consultato il 5 febbraio 2012.
  44. (EN) , Grammy. URL consultato il 5 febbraio 2012.
  45. (EN) Calvin Gilbert, , CMT, 12 novembre 2009. URL consultato il 15 marzo 2012.
  46. ^ (EN) Craig Shelburne, , CMT, 6 aprile 2009. URL consultato il 15 marzo 2012.
  47. ^ (EN) , buzzsugar.com, 22 novembre 2009. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  48. (EN) , associatedcontent.com, 30 gennaio 2009. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  49. (EN) , shallownation.com, 9 ottobre 2009. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  50. (EN) Stephen L. Betts, , The Boot, 7 gennaio 2010. URL consultato il 6 novembre 2011.
  51. (EN) , prnewswire.com. URL consultato il 6 novembre 2011.
  52. (EN) , Billboard. URL consultato il 15 marzo 2012.
  53. (EN) Billboard, , su billboard.com. URL consultato il 2 febbraio 2012.
  54. (EN) Today Was a Fairytale Charts History, Billboard. URL consultato il 16 marzo 2012.
  55. (EN) Rob Sheffield, , Rolling Stone, 26 ottobre 2010. URL consultato il 6 novembre 2011.
  56. (EN) , Billboard. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  57. (EN) Controllare il valore del parametro url (), Billboard. URL consultato il 17 marzo 2012.
  58. , rnbjunk.com, 6 agosto 2010. URL consultato il 16 marzo 2012.
  59. (EN) , Billboard. URL consultato il 16 marzo 2012.
  60. (EN) Mawuse Ziegbe, , MTV, 10 novembre 2010. URL consultato il 6 novembre 2011.
  61. (EN) , topcountrymusicvideos.com. URL consultato il 16 marzo 2012.
  62. , rnbjunk, 9 marzo 2011.
  63. (EN) , oceanup.com. URL consultato il 16 marzo 2012.
  64. (EN) , Billboard. URL consultato il 17 marzo 2012.
  65. (EN) Chris Molanphy, , Rolling Stone, 29 giugno 2011. URL consultato il 6 novembre 2011.
  66. Kyle Bylin, , Billboard, 18 agosto 2011. URL consultato il 6 novembre 2011.
  67. (EN) , Billboard. URL consultato il 17 marzo 2012.
  68. (EN) , taylorswift.com, 21 settembre 2011. URL consultato il 6 novembre 2011 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2011).
  69. (EN) Dorothy Pomerantz, , Forbes, 10 aprile 2011. URL consultato il 6 novembre 2011.
  70. (EN) , Hamish & Andy. URL consultato il 6 novembre 2011.
  71. (EN) , Amazon.co.uk. URL consultato il 9 febbraio 2012.
  72. Controllare il valore del parametro url (), su billboard.com. URL consultato il 18 novembre 2011.
  73. (EN) , celebritytweet. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  74. (EN) , hollywoodreporter. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  75. (EN) , Billboard. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  76. (EN) , CMT, 27 gennaio 2012. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  77. (EN) Ann Pride, , Daily Mail, 8 gennaio 2012. URL consultato il 1º gennaio 2012.
  78. (EN) , Billboard. URL consultato il 20 maggio 2012.
  79. (EN) , Billboard. URL consultato il 16 luglio 2012.
  80. (EN) , Rolling Stone. URL consultato il 16 luglio 2012.
  81. , Airdave, 15 agosto 2012. URL consultato il 15 agosto 2012.
  82. (EN) David Renshaw, , Gigwise, 14 agosto 2012.
  83. (EN) Madeline Boardman, , The Huffington Post, 9 ottobre 2012. URL consultato il 12 novembre 2012.
  84. (EN) Amos Barshad, , Grantland, 31 ottobre 2012. URL consultato il 12 novembre 2012.
  85. (EN) , , 18 agosto 2014. URL consultato il 29 agosto 2014.
  86. , su taylorswift.com (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2014).
  87. , su billboard.com. URL consultato il 21 maggio 2015.
  88. R&B Junkie, , su rnbjunk.com. URL consultato il 21 maggio 2015.
  89. , su billboard.com. URL consultato il 21 maggio 2015.
  90. , su billboard.com. URL consultato il 21 maggio 2015.
  91. (EN) Gil Kaufman, , su , 21 agosto 2017.
  92. ^ (EN) Joe Lynch, , su , 23 agosto 2017.
  93. ^
  94. , in Billboard. URL consultato il 27 agosto 2017.
  95. , in Billboard. URL consultato il 27 agosto 2017.
  96. (EN) Daniel Kreps, , , 3 settembre 2017.
  97. (EN) Lynn Hirschberg, , The New York Times, 23 novembre 2009. URL consultato il 3 febbraio 2012.
  98. Petridis, Alexis (March 6, 2009). "Taylor Swift: Fearless". The Guardian. London. Retrieved June 24, 2012.
  99. (EN) , CMT, 12 novembre 2007. URL consultato l'8 febbraio 2012.
  100. ^ Widdicombe, Lizzie (October 10, 2011). "You Belong With Me". The New Yorker. Retrieved October 11, 2011.
  101. (EN) Louis Brown, , Lifestyle, 3 dicembre 2011. URL consultato l'8 febbraio 2012.
  102. (EN) Alison Bonaguro, , CMT, 26 ototbre 2010. URL consultato il 2 luglio 2012.
  103. (EN) Mary M. Lane, , in The Wall Street Journal, 2 maggio 2012. URL consultato il 2 luglio 2012.
  104. (EN) , Defleppard.com. URL consultato il 22 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2010).
  105. (EN) , setlist.fm. URL consultato il 22 luglio 2013.
  106. (EN) Kevin John Coyne, , countryuniverse.com, 11 novembre 2010. URL consultato il 3 febbraio 2012.
  107. (EN) Rob Sheffield, , Rolling Stone, 26 ottobre 2010. URL consultato il 3 febbraio 2012.
  108. ^ (EN) Jonathan Keefe, , Slant, 25 ottobre 2010. URL consultato il 3 febbraio 2012.
  109. Eells, Josh (September 8, 2014). "The Reinvention of Taylor Swift". Rolling Stone. Retrieved June 8, 2016.
  110. Cooper, Peter (October 26, 2014). "Taylor Swift reaches a turning point with '1989'". The Tennessean. Archived from the original on September 24, 2016. Retrieved April 11, 2015.
  111. Caramanica, Jon (October 20, 2010). "Taylor Swift Is Angry, Darn It". The New York Times. Retrieved July 2, 2012.
  112. ^ Jacqui Meddings, , su Cosmopolitan, 31 ottobre 2014. URL consultato il 2 agosto 2016 ( il 14 luglio 2016). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  113. , su Vogue, 13 febbraio 2015. URL consultato il 10 novembre 2015 ( il 4 novembre 2015). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  114. , su New York, 28 giugno 2013. URL consultato il 17 novembre 2013 ( il 12 ottobre 2013). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  115. Bee-Shyuan Chang, , in The New York Times, 15 marzo 2013. URL consultato il 10 giugno 2013 ( il 22 marzo 2013). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  116. Vanessa Grigoriadis, , in Rolling Stone, 5 marzo 2009. URL consultato il 12 agosto 2016 ( il 24 agosto 2016). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  117. Chris Willman, , in The Hollywood Reporter, 17 ottobre 2012. URL consultato il 25 febbraio 2013 ( il 23 novembre 2012). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  118. Hilary Moss, , in New York, 2 aprile 2012. URL consultato il 6 marzo 2013 ( il 28 maggio 2013). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  119. Megan Pacella, , su Taste of Country, 15 aprile 2012. URL consultato il 15 aprile 2012 ( il 14 aprile 2012). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  120. Madeline Berg, , in Forbes, 18 novembre 2015. URL consultato il 23 luglio 2016 ( il 27 agosto 2016). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  121. Erin Strecker, , su Billboard, 27 gennaio 2015. URL consultato il 31 gennaio 2015 ( il 30 gennaio 2015). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  122. Jeannine Stein, , in Los Angeles Times, 18 novembre 2011. URL consultato il 18 aprile 2012 ( il 15 luglio 2012). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  123. Jenni McKnight, , in , 20 maggio 2013. URL consultato il 4 aprile 2015 ( il 10 aprile 2015). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  124. Nancy Jo Sales e Jessica Diehl, , in Vanity Fair, April 2013. URL consultato il 4 febbraio 2017 ( il 30 gennaio 2017). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  125. Nisha Lilia Diu, , in The Daily Telegraph (London), 3 aprile 2011. URL consultato il 4 febbraio 2017 ( il 30 ottobre 2012). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  126. Zara Kessler, , Bloomberg L.P., 5 novembre 2014. URL consultato il 24 luglio 2016 ( il 28 luglio 2016). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  127. Emily Holt, , su Vogue, 1º luglio 2011. URL consultato il 15 giugno 2012 ( l'8 settembre 2014). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  128. , su People, 17 settembre 2014. URL consultato il 1º dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2016).
  129. Hannah Lyons Powell, , su , 24 febbraio 2015. URL consultato il 1º dicembre 2015 ( il 27 settembre 2016). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  130. Jessica Roy, , su Maxim, 18 maggio 2015. URL consultato il 1º dicembre 2015 ( il 21 dicembre 2015). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  131. Stevie Nicks, , in , 29 aprile 2010. URL consultato il 22 aprile 2012 ( il 29 novembre 2013). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  132. Zack O'Malley Greenburg, , in Forbes, 14 dicembre 2011. URL consultato il 3 agosto 2016 ( il 27 ottobre 2015). Parametro sconosciuto df ignorato ()
    Zack O'Malley Greenburg, , in Forbes, 12 dicembre 2012. URL consultato il 3 agosto 2016 ( il 12 dicembre 2012). Parametro sconosciuto df ignorato ()
    Zack O'Malley Greenburg, , in Forbes, 11 dicembre 2013. URL consultato il 3 agosto 2016 ( il 15 dicembre 2013). Parametro sconosciuto df ignorato ()
    Zack O'Malley Greenburg, , in Forbes, 4 novembre 2014. URL consultato il 3 agosto 2016 ( il 27 novembre 2014). Parametro sconosciuto df ignorato ()
    Zack O'Malley Greenburg, , su Forbes, 4 novembre 2015. URL consultato il 5 novembre 2015 ( il 4 novembre 2015). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  133. , in Forbes. URL consultato il 27 luglio 2015 ( il 28 luglio 2015). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  134. , in Forbes. URL consultato il 1º settembre 2016 ( il 5 settembre 2016). Parametro sconosciuto df ignorato ()
    Rebecka Schumann, , in International Business Times, 26 maggio 2013. URL consultato il 1º settembre 2016 ( il 15 giugno 2016). Parametro sconosciuto df ignorato ()
    Zack O'Malley Greenburg, , in Forbes, 29 giugno 2015. URL consultato il 1º settembre 2016 ( il 1º settembre 2016). Parametro sconosciuto df ignorato ()
    Zack O'Malley Greenburg, , in Forbes, 11 luglio 2016. URL consultato il 3 agosto 2016 ( il 3 agosto 2016). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  135. Laura Stampler, , in Time, 8 dicembre 2014. URL consultato il 15 luglio 2017 ( il 12 dicembre 2016). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  136. Zack O'Malley Greenburg, , in Forbes, 5 giugno 2017. URL consultato il 22 giugno 2017 ( il 5 giugno 2017). Parametro sconosciuto df ignorato ()
  137. (EN) , cmtpress, 11 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2012).
  138. (EN) , IMDB. URL consultato il 18 marzo 2012.
  139. (EN) Joal Ryan, , E!, 6 marzo 2009. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  140. (EN) , The Nashville City Paper, 18 settembre 2007. URL consultato il 31 gennaio 2012.
  141. (EN) , cmt, 13 agosto 2008. URL consultato il 31 gennaio 2012.
  142. (EN) , MTV, 14 dicembre 2009. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  143. (EN) , looktothestars.com, 4 marzo 2010. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  144. (EN) , tvnewsacheck.com. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  145. (EN) , The LA Times, 23 maggio 2011. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  146. (EN) , CMT, 19 agosto 2011. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  147. (EN) , rolltide.com, 21 luglio 2011. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  148. (EN) , Fit Perez, 24 maggio 2012. URL consultato il 25 maggio 2012.
  149. (EN) , Rolling Stone, 17 maggio 2012. URL consultato il 16 luglio 2012.
  150. (EN) , TaylorSwift.com, 12 ottobre 2013. URL consultato il 12 ottobre 2013.
  151. (EN) Shelly Fabian, , About.com. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  152. (EN) , About.com. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  153. (EN) , CMT. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  154. (EN) Chuck Dauphin, , Billboard, 1º aprile 2012. URL consultato il 2 aprile 2012.
  155. (EN) , Washington Post, 21 novembre 2011. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  156. (EN) Controllare il valore del parametro url (), NY Daily News, 24 novembre 2008. URL consultato il 30 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2011).
  157. (EN) Kate Word, , Entertainment Weekly, 21 novembre 2010. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  158. (EN) Stephen M. Silverman, , People, 22 maggio 2011. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  159. (EN) , Billboard. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  160. (EN) Marc Schneider, , Billboard, 11 ottobre 2011. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  161. (EN) , Billboard. URL consultato il 16 luglio 2012.
  162. (EN) , Yahoo!, 12 novembre 2009. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  163. (EN) Shelly Fabian, , About.com. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  164. (EN) , CMT, 12 novembre 2009. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  165. (EN) , The Boot, 9 novembre 2011. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  166. (EN) , Grammy. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  167. (EN) , Grammy. URL consultato il 16 febbraio 2012.
  168. (EN) , Just Jared, 10 gennaio 2013. URL consultato l'11 gennaio 2013.
  169. (EN) Scott Roxborough, , The Hollywood Reporter, 11 novembre 2012. URL consultato l'11 novembre 2012.
  170. (EN) , MTV. URL consultato il 30 gennaio 2012.
  171. (EN) , peoplechoice. URL consultato il 23 luglio 2012.
  172. ^ (EN) , Daily Contributor, 10 agosto 2009. URL consultato il 23 luglio 2012.
  173. ^ (EN) , MTV, 9 agosto 2010. URL consultato il 23 luglio 2012.
  174. ^ (EN) , Hollywood Life. URL consultato il 23 luglio 2012.
  175. ^ (EN) , Chiff. URL consultato il 23 luglio 2012.



Похожие новости


Couple shirt photo
Yellow gold round engagement rings 2018
Dress boots for men 2018
How to wear: corduroy skirts
Grecian wedding dress patterns 2018
Fall's trend of iconic clothing emblems
Eva mendes out of time 2018